Scuola – Un diritto dei friulanofoni e della montagna friulana, dimenticato.

 

COMITATO PER L’AUTONOMIA E IL RILANCIO DEL FRIULI

Comunicato stampa
12 ottobre 2023

SCUOLA E AUTONOMIA

Sembra che alla politica regionale interessi poco usare gli spazi di autonomia che lo status di “regione autonoma a statuto speciale” caratterizza il Friuli-Veneziagiulia.

Per esempio, viste le notizie di questi giorni, nulla dice la politica regionale sul diritto, nelle zone montane ovvero nei comuni friulanofoni, dove esiste un diritto all’uso e insegnamento della lingua madre, ad avere classi alle elementari anche con solo 10 alunni. E’ una opportunità, oltre che un diritto stabilito con legge statale,  che non si capisce perchè non venga pretesa sia dai Comuni, che dalla Regione e dall’Ufficio scolastico regionale. 

Diritto importante che potrebbe permettere il mantenimento di una classe  anche in presenza di soli 10 allievi, risolvendo così molti problemi alla comunità. Il diritto c’è….perchè non viene utilizzato mai?  O forse i Comuni e la regione ignorano la esistenza di questo diritto? 

Eppure il problema c’è, la crisi demografica sta creando non pochi problemi all’organizzazione scolastica ma la rigida e burocratica applicazione di tagli delle spesa non è accettabile. La chiusura di classi deve essere l’ultima soluzione e la Regione deve chiedere il rispetto delle norme citate ovvero intervenire, anche con propri mezzi, a garantire il diritto (ed il dovere) allo studio, forse i bonus bici elettriche possono aspettare e la politica regionale deve prendere atto che lo spopolamento della montagna si previene anche garantendo i servizi, la scuola in particolare.

Il Presidente
dr. Paolo Fontanelli

………………………….

https://www.orizzontescuola.it/organici-2020-21-numero-alunni-classi-iniziali-e-formazione-pluriclassi/

“(…) Scuola primaria

Le classi di scuola primaria sono costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26, elevabile fino a 27 qualora residuino resti.

Le pluriclassi sono costituite da non meno di 8 e non più di 18 alunni. Così ad esempio, è possibile formare una pluriclasse costituita da alunni di una classe prima e di una seconda, a condizione che la somma non superi la suddetta soglia di 18 alunni.

Nei comuni montani, nelle piccole isole e nelle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche possono essere costituite classi, per ciascun anno di corso, con un numero di alunni inferiore al summenzionato numero minimo, comunque non inferiore a 10 alunni. (….)”

 

“Minoranze linguistiche e legge elettorale” – Avv. Felice Besostri

 

ll 25 settembre si vota per il rinnovo del Parlamento italiano: ancora una volta (sarà la terza) con una legge elettorale incostituzionale.

E le minoranze linguistiche? Ancora una volta avremo una pesantissima discriminazione a danno di questa categoria di cittadini….. salvo i tedeschi della provincia di Bolzano e gli italiani della provincia di Trento!

Il Friuli – VG ha 4 seggi senatoriali in totale e la Sardegna ne avrà  5, pur essendo più popolose del Trentino-Alto Adige che avrà: 3 senatori  per la provincia di Trento e 3 senatori la Provincia di Bolzano (ossia 6 senatori!!) .

Ma nessuno in questo caldo agosto ne parla….. o lo denuncia! Troppo impegnati a creare coalizioni che mettono assieme “cani e porci”?

E Massimiliano Fedriga perchè tace? Forse non lo sa che sta governando una regione che è a statuto di autonomia speciale grazie alla presenza di tre minoranze linguistiche riconosciute e tutelate ai sensi dell’art. 6 della Costituzione italiana (friulani, sloveni e  germanici)?  

Così si è espresso l’avv. Felice Besostri.

Buona lettura

“Minoranze Linguistiche e Legge elettorale” articolo a firma di Avv.Felice Besostri.

Un cartel feroviari che al dismentee la minorance linguistiche furlane e altri ancjemò.

 

Basta discriminazioni!!

E i FURLANS? SCANCELâTS? 

1 – PRIME DENUNZIE:

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Il cartel feroviari si cjate inte stazion feroviarie di Sacil e  lu publiche l’amì Remo Brunetti intal so sît Facebook.

No ise ore di finîle di scrivi il non de regjon cence tratin e di dismenteâ che in regjon o vin trê minoranciis linguistichis tuteladis e ricognossudis cu la leç 482/99 (furlan, sloven e todesc)?

Al informe Maurizio Ionico (coment “copie e incole” da “facebook Remo Brunetti”) che “Sulla linea ferroviaria Udine Cividale, tutti i cartelli delle stazioni di fermata sono indicati anche in friulano, a Cividale anche in sloveno. Le emittrici automatiche posizionate a Cividale in 5 lingue, friulano compreso. La diffusione delle informazioni audio anche in friulano….”

Un CARTEL CUSSI’ FALÂT, PAR COLPE DI unE posizion ideologjiche anti-furlane o UNE IGNORANCE CENCE SCUSIS?

 

2  – SECONDE DENUNZIE:  ae prime denunzie si zonte un fat une vorone grâf sucedût di pôc  in Consei Comunâl a Gurize:

NEGATO L’USO DELLA LINGUA FRIULANA NEL CONSIGLIO COMUNALE DI GORIZIA.

https://www.pattoperlautonomia.eu/gruppo-consiliare/975-negato-l-uso-della-lingua-friulana-nel-consiglio-comunale-di-gorizia?fbclid=IwAR1y5WE3H_RrpUfTCTbUDgDvdu3I_dgIlNKvF

Chest il coment sul sît “Facebook Patrie Furlane”:

Il Comune di Gorizia rientra appieno tra quelli ricompresi nell’ambito di tutela del gruppo linguistico friulano ai sensi della D.G.R. Friuli-VG n. 2680 del 3 agosto 2001, in applicazione della L. 482/99.

L’ art. 9 della L.R. 29/2007 prevede specificamente che: “nei comuni che rientrano nella delimitazione di cui all’articolo 3, i componenti dei consigli comunali e degli altri organi a struttura collegiale dell’amministrazione stessa hanno diritto di usare, nell’attività degli organismi medesimi, la lingua friulana.”

La Legge Regionale prevale su ogni regolamento comunale per cui bene ha fatto il consigliere di Gorizia Franco Zotti a reclamare il diritto ad esprimersi in marilenghe e male invece ha fatto il presidente Cagliari ad ignorare l’ordinamento della nostra Regione a Statuto speciale.

Oltre ad esprimere la nostra scontata solidarietà al consigliere Zotti, se può essergli d’aiuto, vogliamo ricordargli il precedente del 2010 del Comune di Spilimbergo contro il consigliere friulanofono Bruno Colledani. In quell’occasione il Colledani ottenne giustizia direttamente dal Capo dello Stato, facendo riscrivere il regolamento del consiglio comunale adeguandolo alle norme di tutela per il gruppo linguistico friulano.
Noi da tempo sosteniamo che il modo migliore per difendere i nostri diritti linguistici è proprio quelli di esercitarli.
Mai molâ. – Patrie Furlane

………………………..

No ise ore di finîle di no rispietâ i dirits linguistics  dai furlans?

“JO O SOI FURLAN E VONDE”!

“Io sono FVG”, provocazion antifurlane

di Andrea Valcic/Dree Valcic

patrie_avost_2020_cerce.pdf (arlef.it)

Visualizza immagine di origine

Il prin impuls al sarès chel di ignorâ la cuistion, di tante che e je la balordisie de propueste, ma stant che dopo i bêçs a son i nestris e la figure di stupits le fasìn nô furlans, al è just meti ae berline, almancul mediatiche, cui che al à pensât e progjetât chel logo ignobil che al varès di rapresentâ la produzion agroalimentâr regjonâl. O fevelìn di “Io sono Fvg”, la marche destinade a promovi lis nestris ecelencis in cjamp enogastronomic, cuntun voli particolâr al riclam turistic. Ve mo, imagjinaitsi un consumadôr devant de scansie di une buteghe o un vacancîr impegnât tal programâ un periodi di feriis in Italie. Devant de propueste golose “Io sono Fvg” al colarà in zenoglon estasiât de imagjin sugjeride di chel messaç. Se dopo al ves ancjemò dubis su la sielte, i pense un sgherlif incomprensibil, ma che daûr dai autôrs al varès di rapresentâ la acuile de steme regjonâl, a fâ colâ lis ultimis inciertecis. ✽✽ Secont ducj i publicitaris, cuntun brand dal gjenar no si va di nissune bande, ma jo no soi un tecnic e chi mi fermi, cu la convinzion che e je une “ciofeca”, une cragne, e ancje saltade fûr mâl. ✽✽ E chel al sarès ancjemò il mancul: cheste regjon nus à usâts di simpri a campagnis promozionâls sbaliadis, fasint l’erôr – a ogni cambi di zonte e di assessôrs – di butâ vie ce che al è stât fat dai predecessôrs, cul risultât che il client no si fidelize al prodot. ✽✽ Ce biei i timps di “Un vigneto chiamato Friuli”: i siei manifescj, ben insuazâts, ju podês ancjemò cjatâ picjâts in tantis tratoriis e ristorants ator pe penisule. (…)

……………………..

NESTRI COMENT

Il logo “Io sono FVG”? Un logo NEGAZIONIST de realtât storiche regjonâl. Realtât formade da une regjon storiche milenarie, il Friûl, e une citât, Triest.  Cun di plui un logo cence nissun rispiet del teritori dulà che e vivin lis minoranciis linguistichis furlane, todescje e slovene dal Friûl (ocidentâl, centrâl e orientâl o gurizan) minorancis che e vegnin scanceladis da chê “cragne” inventade dai ufici regjonâi cu la finalitât di scancelâ il non Friûl, peraule di no nomenâ….. MAI!!

Fasìn di mancul di comprâ i prodots furlans che a doprin chê CRAGNE di logo (Io sono FVG), logo che al dinee il Friûl e lu scancele. E IL BIEL AL è CHE AL SCANCELE ANCJE TRIEST. LA NESTRE NO JE UNE REGJON UNITARIE: VONDE FÂ FINTE CHE LU SEDI!!

IL LOGO JUST?   “JO O SOI FURLAN E VONDE”

 

La lingua friulana? Un brand formidabile per il rilancio del turismo regionale! Ma l’assessore regionale al turismo non lo sa!!

 

Perchè l’assessore regionale al turismo, Sergio Bini, non utilizza mai il “brand lingua friulana” per lo sviluppo turistico regionale?


Forse non lo sa che la minoranza linguistica friulana è, in termini numerici, la seconda minoranza linguistica che vive in Italia e la prima in regione?

Al contrario risulta ricerchi alleanze con la regione Veneto e la regione Emilia – Romagna ignorando nel contempo la  significativa presenza del plurilinguismo regionale con le sue tre minoranze linguistiche storiche riconosciute dalla Repubblica italiana: friulano, sloveno e tedesco.

Incuriosire e attrarre il turista presentandogli la grande ricchezza linguistica della regione è una strada che altri territori hanno già percorso con grande successo: esempio la Val di Fassa con la lingua ladina, lingua utilizzata da sempre in questo territorio per fare promozione turistica pur in presenza di gruppi montagnosi dolomitici di grande rilievo ambientale e alpinistico già conosciuti in tutto il mondo.

Forse l’assessore regionale al turismo ignora questa importante caratteristica della nostra regione, caratteristica che può fare da volano al turismo regionale (balneare incluso)? O forse la considera poco importante e  non spendibile sul piano della promozione turistica? O forse ignora l’art. 6 della Costituzione italiana? O forse ignora l’art. 2 della L. 482/99? O forse molto più banalmente va a traino delle altre due regioni sopra citate, dimentico delle peculiarità linguistiche del Friuli (lingua friulana, slovena e germanica) e di Trieste (lingua slovena)?

Che senso ha annegare il Friuli e Trieste in una realtà territoriale più grande (Veneto ed Emilia-Romagna) rendendo così anonimo il territorio regionale? 

La promozione turistica si fa rendendo UNICO e RICONOSCIBILE il territorio che si vuole promuovere e non annegandolo nell’anonimato di un brand che includa anche le regioni Veneto e Emilia-Romagna!